sakarun

Dugi Otok, l’isola della Croazia che profuma di lentezza

I pochi giorni passati a Dugi Otok sono bastati per farci innamorare di quest’isola selvaggia dal sapore un po’ retrò. Qui il tempo scorre lento e sembra essersi fermato ad una cinquantina di anni fa: la mancanza di acqua potabile ostacola lo sviluppo dell’isola (tutt’ora viene ricavata dall’acqua piovana o trasportata via mare da Zara), le strutture pronte ad accogliere i turisti non sono molte e i servizi sono tutti concentrati a sud, nel capoluogo di Sali.

dalmatian donkey

L’ora e quaranta necessaria per la traversata da Zara a Dugi Otok sembra quasi un avvertimento di quello che si vivrà durante il soggiorno: una calma e una tranquillità a cui non siamo più abituati.

Anziani che campeggiano dalla mattina alla sera sulle panchine del piccolo porto-molo-centro cittadino, bambini che corrono scalzi per tutto il paese e si ritrovano sulle scalinate dei vicoletti, ristoranti che servono le pietanze dopo lunghe attese e gatti pazienti che aspettano qualche scarto sotto i tavoli.

gatti dugi otok

Ma di certo è anche questo il fascino dell’isola, sicuramente non adatta a chi cerca un luogo in cui trovare tutte le comodità a portata di mano o una vita notturna sfrenata. Dimenticatevi negozi, aperitivi sulla spiaggia, discoteche e stazioni balneari super attrezzate.

Quello che Dugi Otok vi offrirà sarà natura selvaggia, calette nascoste che si alternano a spiaggette caraibiche, ottimi ristorantini vista mare e se siete nel capoluogo addirittura una gelateria, una biblioteca ed un bar.

sali

E tutto questo in 43 chilometri di lunghezza per 4 di larghezza -queste le dimensioni dell’isola il cui nome, non a caso, significa Isola Lunga– per circa 3000 abitanti stabilmente residenti.


ARRIVARE A DUGI OTOK

Organizzando il nostro on the road estivo in Croazia abbiamo fatto particolarmente fatica a capire come raggiungere e muoverci sull’isola. Questa fa parte della Dalmazia settentrionale, ed è raggiungibile, se non si dispone di un’imbarcazione privata, tramite traghetti e ferry che partono da Zara (Zadar in croato).

Le due compagnie che fanno la traversata sono G&V Line e Jadrolinija.

G&V Line offre traghetti veloci (per soli passeggeri) che servono le isole di Dugi Otok, Ugljan e Iž. Per Dugi Otok la partenza è da Zara e gli scali possibili sono Sali e Zaglav (rispettivamente 50 minuti e 1 ora).

Jadrolinija garantisce catamarani giornalieri (per soli passeggeri) da Zara a Dugi Otok con scali possibili a Bozava e Brbinj (rispettivamente 1 h 15 min. e 1 h 45 min.).

La compagnia gestisce anche ferry (per passeggeri e mezzi) che partono dal porto di Zadar Gaženica (a pochi Km da Zara) e che fanno scalo solo a Brbinj. I ferry partono, nel periodo estivo, 3 volte al giorno e hanno orari differenti a seconda del giorno scelto. I biglietti si comprano direttamente al porto o, in alternativa, si possono prenotare online ma questi avranno validità solamente per il giorno prescelto ma non per l’orario desiderato (per questo conviene recarsi al porto con un po’ di anticipo per esser sicuri di riuscire ad imbarcare la propria auto).

Una volta arrivati sull’isola è necessario disporre di un mezzo per poterla esplorare. Gli unici trasporti locali sono autobus che hanno orari che coincidono con gli arrivi e le partenze dei traghetti e che collegano BrbinjBozava (nella parte settentrionale dell’isola).

E’ possibile noleggiare scooter (forse anche auto) sia a Sali che a Bozava (info ai rispettivi uffici turistici).


SOGGIORNARE A DUGI OTOK

Oltre ai classici siti utilizzati per le prenotazioni online di alberghi, camere e appartamenti consigliamo di contattare direttamente gli uffici turistici della zona e di consultare questo elenco , questo e questo messi a disposizione dai siti ufficiali della Croazia e di Dugi Otok.

Noi abbiamo soggiornato a Sali, in cui sono presenti un market ben fornito, un’ufficio postale, un bancomat, una panetteria e diversi ristoranti. Altri servizi come farmacia, ambulatorio medico, biblioteca, gelateria ed un piccolissimo mercato di frutta e verdura si possono trovare solo qui.

sali dugi otok
Sali
sali
Il mercato
biblioteca Dugi otok
La biblioteca
sali
La chiesetta di Sali

COSA VEDERE A DUGI OTOK

Spiaggia di Sakarun _ Probabilmente è una delle più belle di tutta la Croazia. La spiaggia è di ciottoli bianchi, ma una volta entrati in acqua il fondale è costituito interamente da una finissima sabbia bianca. L’acqua è cristallina e degrada lentamente. E’ una delle poche spiagge “attrezzate” dell’isola: tre baracchine offrono cibo, gelati, bevande fresche e servizi igienici. 

sakarun beach

sakarun

sakarun beach

Spiaggia di Veli Zal _ Le caratteristiche di questa spiaggia sono molto simili a quelle di Sakarun: ciottoli bianchi a riva e fondale sabbioso in acqua. Essendo però più esposta è spesso battuta da correnti ventose che rendono il mare mosso.

veli zal

Spiagge di Veli Rat, Telašćica, Brbišćica, Lojisce, ecc… _ Tutta l’isola è costellata di calette e piccole spiagge. Il modo migliore di scovarle è lasciare la strada principale e inoltrarsi in uno dei percorsi che vanno verso il mare. All’interno del parco di Telašćica sono molti i tratti in cui è possibile fare il bagno in acque limpidissime come ad esempio nelle calette della Baia della Pace (Uvala Mir).

Veli Rat
Una spiaggia a Veli Rat
Zaglav
Spiaggetta a Zaglav
Brbišćica
La piscina naturale di Brbišćica

Parco Naturale di Telašćica _ Un lago salato, scogliere a picco sul mare in cui nidifica il falco pellegrino, isolotti, resti archeologici, aree protette per l’asino endemico della Dalmazia: questo e molto altro è quello che offre il Parco Naturale di Telašćica che si estende nelle due lingue di terra a sud di Sali. Una porzione del parco è visitabile liberamente mentre per la parte verso il Lago salato di Mir è necessario acquistare il biglietto d’ingresso (40 kune, circa 5,50 euro).

Telascica
Uvala Mir

telascica

Faro di Veli Rat _ Il paesaggio nella punta più a nord dell’isola è davvero spettacolare. La pineta lascia spazio alla distesa brulla che ospita il faro abitato dal custode e dalla sua famiglia; la chiesina, il pozzo, il piccolo orto e due altalene rivolte verso l’orizzonte completano le restanti parti del quadro. Una vera oasi di vento e di pace.

faro veli rat

Veli Rat

Sono poi molte altre le attività che si possono svolgere a Dugi Otok: snorkeling, percorsi trekking e mtb, uscite di pesca, escursioni organizzate in barca verso il Parco Naturale di Telašćical’arcipelago delle Kornati, visite alla grotta di Strašna Peć e addirittura arrampicata sulle pareti di una vecchia cava dismessa.

strasna pec
Grotta di Strašna Peć _ foto scaricata dal sito turistico di Bozava

DA NON PERDERE

  • La festa di Sali: si svolge il weekend prima della festa dell’Assunzione del 15 d’agosto e per tre giorni la cittadina omaggia il patrono con competizioni sportive e gastronomiche, canti e balli popolari, la tradizionale gara con gli asini e, in chiusura, con l’ipnotizzante esibizione dei suonatori di corno che si tuffano vestiti nelle acque del piccolo porto.

Sali festa

  • Il cielo stellato di Dugi Otok: su quest’isola, soprattutto nel versante che da sull’Adriatico, l’inquinamento luminoso è minimo ed è possibile vedere l’intera Via Lattea con i suoi miliardi di stelle semplicemente a naso all’insù. Noi in pochi minuti abbiamo visto una decina di stelle cadenti luminosissime.

DA SAPERE

  • L’unica pompa di benzina di tutta l’sola si trova nel paesino di  Zaglav.
  • I ristoranti e i negozi dell’isola non accettano carte di credito ma solamente pagamenti in contanti in kune. A Sali è presente un bancomat mentre a Bozava si può prelevare contante all’ufficio postale (chiuso la domenica).
  • Consigliamo di prenotare i ristoranti per la sera, soprattutto se si è in alta stagione.
  • Per le spiagge di ciottoli risultano essere molto comode le scarpette da scoglio.
  • Nelle spiagge più frequentate ci sono diverse api attratte dall’odore del cibo e delle creme solari. Attenzione, soprattutto per gli allergici.

SITI UTILI

Le informazioni più complete e interessanti per l’organizzazione della nostra vacanza le abbiamo trovate su questi siti: Croatia info , Dugi Otok , Božava , Adamo Travel .

Kornati

Annunci

4 pensieri su “Dugi Otok, l’isola della Croazia che profuma di lentezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...